Fotobiomodulazione: una rivoluzione nella bellezza e nella cosmesi

Cos'è la Fotobiomodulazione?

La fotobiomodulazione consiste nell'utilizzare la luce per stimolare determinati processi nella pelle e nel cuoio capelluto, mirando così ai segni dell'invecchiamento e rafforzando i capelli.

La storia della Fotobiomodulazione

La fotobiomodulazione è oggi una tecnica sempre più diffusa sia in medicina estetica che in cosmesi, soprattutto grazie all'Amministrazione Nazionale per l'Aeronautica e lo Spazio ( NASA). I diodi emettitori di luce, o LED, furono inventati nel 1962. I primi LED non avevano la capacità di apportare benefici alla pelle. Le lunghezze d'onda emesse erano troppo ampie e variavano fino a 100 nanometri (nm). Negli anni ’90, la NASA ha sviluppato LED che producevano uno spettro di luce molto ristretto e controllato. Questo livello di padronanza di lunghezze d'onda molto precise ha consentito il loro sviluppo in medicina.

Una lunghezza d'onda è una variabile che ci permette di caratterizzare le onde elettromagnetiche, vale a dire la luce. Si tratta semplicemente di una quantità che permette di definire se un'onda appartiene, ad esempio, al dominio dell'ultravioletto, al dominio dello spettro visibile o al dominio dell'infrarosso.

La NASA ha quindi consentito la creazione di LED che emettono una lunghezza d'onda molto specifica, rendendo possibile avere LED con un colore ben specifico: blu, verde, giallo o anche rosso.

Spectre lumineux lumiere rouge NOOANCE

I principi scientifici della Fotobiomodulazione

Oggi non è più un segreto, il sole è cancerogeno a causa delle radiazioni ultraviolette e più precisamente UVB: onde elettromagnetiche aventi una lunghezza d'onda compresa tra 280 e 315 nm. Sappiamo anche che l'invecchiamento precoce della pelle è causato dall'esposizione ai raggi UVA con lunghezza d'onda compresa tra 315 e 400 nm perché creano danni all'interno delle nostre cellule provocando la comparsa di rughe e macchie premature.

Tuttavia la luce, nonostante gli effetti negativi appena citati, in alcuni casi può avere un effetto benefico. Ad esempio, la fototerapia UVB viene ora utilizzata come trattamento per la psoriasi. Inoltre, una delle vie di sintesi della vitamina D, vitamina essenziale per la salute del nostro scheletro, è resa possibile grazie all'esposizione ai raggi UVB.

In altre parole, la luce può quindi avere effetti negativi e positivi.

La fotobiomodulazione consiste nell'utilizzare luce a bassa intensità e per una breve durata di trattamento per avere benefici sulla pelle e sul cuoio capelluto. Funziona grazie ad un organello presente nelle nostre cellule: i mitocondri.

Questo organello svolge un ruolo chiave nella produzione di energia per le nostre cellule producendo adenosina trifosfato (abbreviato in ATP). Questi mitocondri sono i cosiddetti organelli cromofori, cioè sensibili alla luce. Si attivano più o meno a seconda delle lunghezze d'onda. Pertanto, controllando correttamente la luce inviata, possiamo stimolare i processi della pelle e del cuoio capelluto per trarne benefici.

La fotobiomodulazione è oggi ampiamente utilizzata in medicina, in particolare in dermatologia. Inoltre la luce ha il vantaggio di essere un trattamento non invasivo.

Penetration lumineuse peau et effets lumière rouge NOOANCE

Fotobiomodulazione e cura della pelle

In che modo la maschera LED migliora la pelle?

Nella letteratura scientifica sul tema della fotobiomodulazione cutanea troviamo la maggior parte dei dati sull'efficacia della luce rossa e della luce infrarossa.

Come promemoria, la gamma di lunghezze d'onda della luce visibile, in nanometri (nm), è generalmente classificata come segue:

  • Luce rossa: circa da 625 a 740 nm
  • Luce blu: circa da 450 a 495 nm

La ricerca ha stabilito che la luce rossa a 633 nm aiuta a rafforzare il ruolo dei mitocondri nel fornire più energia. Più concretamente, la luce rossa viene assorbita dai tessuti poi dai mitocondri che trasformano l'energia luminosa in energia utilizzabile dalle nostre cellule. Ciò equivale quindi a dare carburante alle nostre cellule affinché funzionino meglio. L'obiettivo è che possano ripararsi meglio, proliferare meglio o produrre meglio le proteine ​​essenziali della pelle come il collagene.

La letteratura dimostra che i benefici della luce rossa per la pelle sono molteplici:

  • stimolazione della produzione di collagene per ritrovare una pelle più soda e rughe ridotte,
  • rinnovamento cellulare migliorato per ottenere una pelle più liscia e luminosa
  • miglioramento della circolazione sanguigna
  • una riduzione dell'infiammazione per accelerare la riparazione della pelle e ridurre il rossore.

Infrarossi a 830 nm

La penetrazione della luce nella pelle dipende dalla lunghezza d'onda. La luce rossa (chiamata luce calda in contrapposizione a luce fredda) e gli infrarossi sono le luci che penetrano più in profondità nella pelle.

Quindi il vicino infrarosso raggiunge anche il livello cellulare ma, a differenza della luce rossa, questa non innesca reazioni fotochimiche ma reazioni fotofisiche. Detto questo, il risultato è lo stesso: le celle sono “fotoattivate” e funzionano meglio. Il vicino infrarosso a 830 nm aumenta anche la circolazione sanguigna, migliorando l'ossigenazione delle cellule della pelle e fornendo loro importanti nutrienti per ripristinare la salute della pelle. Aiutano anche a ridurre l'infiammazione della pelle e ad aumentare l'idratazione, che può ridurre la comparsa di linee sottili e rughe e ridurre la comparsa di cicatrici.

Technologie double led lumiere rouge lumiere infrarouge NOOANCE

Risultati attesi e benefici per la pelle

Studi hanno dimostrato che la luce rossa e gli infrarossi hanno effetti sinergici sulla pelle apportando benefici. Ecco perché la maschera NOOĀNCE combina le due luci: luce rossa a 633 nm e vicino infrarosso a 830 nm.

Combinando queste due lunghezze d'onda, la maschera LED NOOĀNCE agisce sui diversi segni dell'invecchiamento:

  • Stimolazione della produzione di collagene ed elastina per ritrovare una pelle più soda ed elastica, ridurre il rilassamento cutaneo e ridurre la presenza di rughe
  • Attivazione del rinnovamento cellulare che riduce l'opacità e migliora la consistenza
  • Riduzione dell'infiammazione per migliorare l'aspetto generale della pelle

###maschera-led-viso-e-décolleté###

Fotobiomodulazione e caduta dei capelli

Il ruolo del casco laser LED

L'alopecia androgenetica è, come indica il nome, dovuta ad una predisposizione genetica che provoca una risposta eccessiva degli ormoni androgeni, cioè degli ormoni maschili, tra cui in particolare il testosterone. Questo testosterone durante l'alopecia androgenetica viene trasformato in quantità eccessive in diidrotestoterone, DHT, dall'enzima 5 alfa reduttasi, che porta ad un'alterazione del ciclo pilifero.

In una persona affetta da alopecia osserviamo un progressivo accorciamento della fase anagen che è la fase di crescita. Questa fase dura sempre meno a lungo, determinando capelli sempre più sottili e corti. Così corte che dopo un po' non raggiungono più una lunghezza sufficiente per raggiungere la superficie della pelle. Questa accelerazione del ciclo pilifero porta ad una miniaturizzazione dei follicoli piliferi mentre la fase telogen che è la fase di riposo in cui i capelli cadono naturalmente rimane costante o addirittura continua fino al giorno in cui i capelli cadono definitivamente, il follicolo pilifero è morto. L’alopecia androgenetica è quindi permanente e colpisce sia gli uomini che le donne.

Studi recenti dimostrano che la luce rossa a 650 nm può avere un effetto benefico sulla crescita dei capelli. Dagli studi risulta in particolare che stimola la fase anagen prolungandola e aumenta il tasso di proliferazione dei follicoli anagen attivi che si traduce quindi in un aumento della densità e del diametro dei capelli oltre ad una riduzione della caduta dei capelli. portando al miglioramento clinico dell’alopecia.

Cycle du cheveu casque leds et lasers phase anagene NOOANCE

Vantaggi della Fotobiomodulazione per capelli

L'esatto meccanismo di funzionamento della fotobiomodulazione per la caduta dei capelli non è ancora completamente compreso. Probabilmente però questo corrisponderebbe al funzionamento della maschera LED per il viso, la luce garantirebbe:

  • migliore circolazione sanguigna per fornire più nutrienti e fattori di crescita ai follicoli piliferi per capelli più forti, meno fragili e meno opachi
  • una riduzione dell'infiammazione che interrompe il ciclo del capello. Le infiammazioni possono essere causate da fattori interni (stress, malattie.) o esterni (inquinamento, ecc.)
  • un aumento dell'energia cellulare attraverso la produzione di ATP: le cellule hanno più energia e quindi funzionano meglio, il che supporta processi metabolici essenziali, come la proliferazione e la differenziazione cellulare. Questo apporto di energia favorisce la crescita dei capelli stimolando le cellule del follicolo pilifero e mantenendole nella fase anagen più a lungo. Ciò garantisce necessariamente una migliore crescita, un migliore ancoraggio dei capelli e un ciclo migliore.

Il casco LED e laser è quindi un metodo efficace e non invasivo che richiede solo 25 minuti di trattamento, tre volte a settimana e che può essere utilizzato in combinazione con altri trattamenti come trapianto di capelli, minoxidil, anti -siero anticaduta…

Double technologie laser et led regenaration capillaire exceptionnelle NOOANCE

###casco-professionale-per-capelli###

Come scegliere la maschera LED e il casco LED?

Suggerimenti per l'uso

L'utilizzo della luce rossa e degli infrarossi può quindi avere effetti benefici per la pelle ma solo se vengono rispettati alcuni criteri:

  • La lunghezza d'onda
  • Irradianza
  • La dose di trattamento e l'ergonomia della maschera

La lunghezza d'onda

Come abbiamo visto, per agire correttamente, i LED devono inviare una lunghezza d'onda ben precisa. Gli studi sulla luce rossa sono stati condotti con una lunghezza d'onda di 633 nm e sugli infrarossi sono stati condotti studi con una lunghezza d'onda di 830 nm.

Può essere interessante considerare un secondo criterio per quanto riguarda la lunghezza d'onda utilizzata che è la precisione . Infatti, più i LED sono precisi, maggiore è l'efficienza.

La maschera LED NOOĀNCE ha una precisione di +/- 2 nm che offre una maggiore coerenza nei risultati. Lunghezze d'onda meno precise (+/- 5 nm o anche +/- 10 nm) possono avere una distribuzione di energia meno uniforme, il che può portare a risultati incoerenti e tempi di elaborazione più lunghi. Al contrario, lunghezze d’onda precise possono fornire una distribuzione uniforme dell’energia luminosa, garantendo risultati costanti e tempi di trattamento più brevi.

Irradianza

L'irraggiamento è un fattore importante per l'efficacia di una maschera LED. Rappresenta la quantità di luce che viene emessa dai LED e che raggiunge la pelle. Maggiore è l'irradiazione, maggiore è la luce a cui è esposta la pelle, il che può aumentare l'efficacia della terapia laser.

Tuttavia è importante non confondere irradianza e potenza. La potenza corrisponde alla quantità di energia consumata dai LED, mentre l'irradianza misura la quantità di luce che raggiunge la pelle. È quindi possibile che una maschera LED abbia una potenza elevata ma un basso irraggiamento, il che non garantisce un’efficacia ottimale del trattamento.

Si consiglia quindi di scegliere una maschera LED con irradianza sufficientemente elevata da consentire un'efficace esposizione della pelle alla luce, rispettando i limiti di sicurezza consigliati dal produttore. È importante anche seguire le istruzioni per l'utilizzo della maschera LED per massimizzarne l'efficacia.

Un'irradianza di 30mw/cm2 è l'irradianza più studiata per i suoi benefici sui dispositivi di fotobiomodulazione applicati direttamente sulla pelle.

La dose di trattamento e l'ergonomia della maschera

È importante guardare anche la dose del trattamento, cioè la durata e la frequenza con cui è necessario utilizzare la maschera per ottenere risultati. Come ogni dispositivo cosmetico, per avere risultati, le sedute di fotobiomodulazione devono essere regolari. Pertanto, la dose del trattamento rappresenta un criterio importante perché se è troppo lungo o troppo frequente per ottenere risultati, è probabile che molte persone rinunceranno lungo il percorso, il che porterà a risultati deludenti.

Inoltre, la comodità d'uso è essenziale. La maschera LED NOOĀNCE ha un'ergonomia brevettata particolarmente adatta alla morfologia occidentale. Il contorno occhi, naso e bocca sono particolarmente ben esposti ai LED. Gli attacchi sono estremamente flessibili e confortevoli con un attacco aggiuntivo per fronti particolarmente inclinate all'indietro. La flessibilità del silicone medicale consente alla maschera di adattarsi perfettamente al viso. Viene utilizzato da 3 a 5 volte a settimana in sessioni di 10 minuti solo per vedere i risultati.

Come scegliere il tuo casco LED/laser?

Proprio come la maschera LED, è importante che il casco soddisfi diversi criteri molto specifici per funzionare, tra cui:

  • Tecnologia LED
  • Lunghezza d'onda
  • Irradienza
  • La dose e la durata del trattamento

Tecnologia LED o Laser

Gli studi sulla crescita dei capelli sono stati condotti principalmente utilizzando i laser. Detto questo, nuovi studi indicherebbero che i LED potrebbero fornire la stessa efficienza dei laser, ma questo resta da dimostrare.

Pertanto per il casco NOOĀNCE abbiamo optato per una combinazione dei due, consentendo così la massima copertura su tutto il cuoio capelluto.

La lunghezza d'onda

Come per la maschera LED, studi presenti nella letteratura scientifica hanno evidenziato benefici per il cuoio capelluto per la luce rossa a 650nm. È quindi questa luce che è stata scelta per il casco NOOĀNCE.

Irradianza

Anche l'irradiazione è importante per garantire l'efficacia del trattamento ed evitare effetti collaterali.

Dose e durata del trattamento

Le cuffie NOOĀNCE sono facili da usare: possono essere utilizzate durante un'altra attività, mentre si lavora o si legge. Si utilizza per 25 minuti, 3 volte a settimana per 4-6 mesi per vedere i primi risultati.

Resultats casque led et laser cheveux NOOANCE

Come integrare la Fotobiomodulazione nella tua beauty routine?

Suggerimenti per l'utilizzo settimanale

La maschera LED e il casco LED sono due metodi non invasivi che possono essere inseriti nella tua routine di bellezza.

Per quanto riguarda la maschera LED NOOĀNCE, è sufficiente utilizzarla direttamente dopo la detersione mattina o sera, da 5 a 7 volte a settimana in sessioni di 10 minuti per 4 settimane. Il dispositivo si programma direttamente per una durata di 10 minuti e si spegne automaticamente al termine del trattamento. Quindi per mantenere i risultati è preferibile utilizzarlo almeno dalle 3 alle 5 volte a settimana. Al termine dei 10 minuti è sufficiente proseguire con la solita routine: contorno occhi, siero, crema e protezione solare se di giorno.

I primi risultati sull'incarnato e sugli arrossamenti possono essere rapidi ma per quanto riguarda i segni del tempo è necessario attendere almeno 4 settimane di utilizzo per vedere i primi miglioramenti.

Per il casco NOOĀNCE LED è sufficiente utilizzarlo tre volte a settimana in sessioni da 25 minuti su capelli asciutti. Il dispositivo viene programmato direttamente per una durata di 25 minuti e si spegne automaticamente al termine del trattamento. È necessario attendere almeno 3 mesi di utilizzo per vedere i primi effetti.

Consigli per la cura

Ti consigliamo di pulire regolarmente la tua maschera LED e la finestra del casco Laser & Led. Una o due volte al mese o anche dopo ogni sessione se soffri di malattie batteriche.

Per pulire il tuo dispositivo, puoi seguire i seguenti passaggi:

  1. Dopo la sessione, togli la maschera/casco dalla testa e scollegalo.
  2. Utilizzare un panno morbido e leggermente umido per pulire la superficie del dispositivo per rimuovere sporco e residui.
  3. Se necessario, è possibile utilizzare un detergente delicato come la biseptina per disinfettarlo. Da preferire in caso di utilizzo da parte di più persone e/o presenza di batteri. Puoi anche usare una salvietta antibatterica.
  4. Assicurarsi di non bagnare le parti elettroniche, come luci LED, laser e cavi.
  5. Una volta pulito il dispositivo, lasciarlo asciugare completamente all'aria.
  6. Conservalo in un luogo asciutto e pulito per evitare che venga danneggiato o contaminato.

È importante pulire regolarmente la maschera LED e il casco Laser e LED per evitare la diffusione di batteri e mantenere una buona igiene.

Fonti:

  • Effetto della lunghezza d'onda e dell'ampiezza del fascio sulla penetrazione nell'interazione luce-tessuto utilizzando metodi computazionali, novembre 2017, Laser nella scienza medica
  • Fototerapia con diodi emettitori di luce per il trattamento di un'ampia gamma di condizioni mediche ed estetiche in dermatologia, J Clin Aesthet Dermatol. Febbraio 2018
  • Effetti della luce visibile sulla pelle, fotochimica e fotobiologia, Volume84, numero 2, marzo/aprile 2008